Capodanno 2014-2015



Stiamo definendo i dettagli per la stagione invernale 2014-2015 e per il capodanno.
Scriveteci e telefonateci pure per le pre-prenotazioni, noi iniziamo a “segnare”!

STAY TUNED!

info@rifugiocolombe.it
telefoni

Martedì, Ottobre 28, 2014 by postmaster

ANDE - mani e piedi sporchi di fango



Mi chiamo Giancarlo Sardini, volontario dell’Operazione Mato Grosso fin dal 1985, ho dedicato molti anni della mia vita ai temi legati alla solidarietà verso le popolazioni dell’America Latina con progetti di sviluppo e formazione. In questo racconto vi conduco attraverso un percorso umano e sociale condiviso con i pastori delle ande per quinidici lunghi anni.

Nella vita prima o poi capita a tutti di dover fare qualche scelta importante.
Io sono stato un uomo molto fortunato perchè di scelte importanti ne ho dovute fare alcune.
La prima é stata quella di sposarmi con Marina, da cui ho avuto due splendide figliole.
Poi c’è stata quella di partire come volontario OMG per il Perú, giovane e pieno di belle speranze. L’ultima in ordine di tempo,è stata quella di tornare in Italia sicuramente meno giovane (dopo aver trascorso 15 anni Perù) ma arricchito dalle esperienze che la vita ed il contatto con quelle popolazioni mi ha potuto regalare.
In questi anni ho sovrainteso alla realizzazione dell’ Escuela di Andinismo costruendola dalle fondamenta, lavorando come coordinatore ed anche se le esigenze lo richiedevano, come muratore e capo mastro.
Non mi sono limitato a costruire la Escuela de GUIAS, ma mi sono prodigato per poter dare un futuro migliore a 17 ragazzi che oggi sono Giude UIAGM e guide di trekking e che conformano l’Associazione di Andinisti Don Bosco 6000 con sede nel nuovo Centro di Andinismo Renato Casarotto.
La Escuela é partita ufficialmente nel 2000, io comunque fin dal 1997 avevo cominciato a prendere in casa i primi ragazzi campesinos (pastori) per avviarli al lavoro di Portatori in montagna, in quanto alcune (poche) spedizioni alpinistiche sapendo che ero laggiú e mi chiedevano di potersi appoggiare nelle allora strutture della Parrocchia di Marcará.
Dal 2000 la Escuela de Guias é partita, grazie anche all’interessamento di Padre Ugo che ha spinto fortemente questo progetto, fin dai suoi primi passi.
Con i ragazzi, prima come portatori e poi come alunni, ho condiviso gli entusiasmi e le delusioni, le fatiche e le gioie che negli anni abbiamo vissuto.
Con la preseveranza di molti siamo riusicti a strappare dalla povertà e dall’ abbrutimento una ventina di giovani pastori che oggi sono Guide UIAGM, Guide di trekking.
Così la Escuela de Guias di Marcarà pian piano è diventata un punto di incontro dove si incrociano diverse realtà, da una parte l’ afflusso dei primi turisti e dall’ altra la crescita dei ragazzi che cercavamo di formare, i primi successi e le prime uscite delle nuove Guias sono emozioni che ho potuto condividere con tutte le persone che negli anni mi hanno affiancato ed aiutato. Da Padre Topio a Valerio Bertoglio, da Luciano Colombo a Domenico Gaggini e Franco Micheli, per arrivare fino all’ultimo degli amici OMG che magari preparando una ciotola di minestra mi ha aiutato nel completare questa missione.
Intorno a questo progetto l’OMG ha costruito 4 Rifugi e 1 Bivacco nella Cordillera Blanca, oggi gestiti dai ragazzi Cuchi e da volontari Peruviani, tutti gli introiti dei RIFUGI Andini, vanno per la costruzione della Case delle Famiglie povere delle valli altoandine.
Grazie all’appoggio dell’OMG, in quetsi anni, abbiamo avviato una serie di esplorazioni disegnando nuovi cicruiti di trekking sia nella cordigliera bianca che nella piú selvaggia Huayhuash (quella dello Siula grande di Joe Simpson per intenderci), trovando anche il tempo per andare alla base dello Yerupajá a cercare i resti di un aereo TAM scomparso nel 1954, oppure di organizzare la prima spedizione Peruviana in Patagonia permettendo ad un suo giovane allievo guida di stabilire sull’Aconcagua la vetta più alta delle Americhe 6956 m, il nuovo record di velocità in salita.
Una storia lunga 40 anni quella della mia vita spesa tra le montagne prima su quelle italiane, poi sulle Ande che sono quelle che mi hanno veramente rubato il cuore, facendomi tornare bambino. Non posso scordare le luci ed i colori delle alte quote che sfumando in un ininterrotto susseguirsi di emozioni lasciando che l’ occhio, passi incuriosito, a scrutare tra le profonde gole e le vallate che si incontrano camminando lungo i sentieri andini.
Io di carattere socievole e solare, ma testardo e tenace come del resto lo siamo noi Bresciani cresciuti tra le colline della Franciacorta, ho sempre preferito mantenere un basso profilo ma oggi questa storia non posso raccontarla senza metterci un pizzico di orgoglio.
Insomma ci ho messo del mio ma se sono qui a raccontare e a raccontarmi é perché qualcuno mi ha aiutato, accompagnato, seguito ed ha avuto anche tanta pazienza con me; debbo cosí ringraziare mia moglie Marina, che mi ha silenziosamente accompagnato tante volte o mi ha aspettato a casa, quando ritornavo dalle spedizioni sulle Ande. Devo ringraziare Padre Ugo e Don Ambrogio che hanno accolto e seguito la mia famiglia fin dai primi passi nell’OMG, poi i tanti amici dell’Operazione Mato Grosso e coloro che lavorando gratuitamente in Italia sostengono le nostre missioni in America Latina, anche attraverso la gestione dei Rifugi: Rif.Claudio e Bruno,Rif.Tre A, Rif.Laeng, Rif.Torsoleto,Rif.Colombé, Rif.Gherardi, Rif.Degli Angeli, Rif.AlpeSchiazzara solo per citarne alcuni.
Elenco completo dei rifugi OMG in http://www.rifugi-omg.org.
Ho avuto la fortuna di conoscere Battistino Bonali e di essere uno dei testimoni dell’inizio dell’avventura al Rifugio Colombé, quando nell’allora 1991 c’erano solo i Rifugi-OMG in Val Formazza.
Nella mia vita ho sempre rincorso i sogni e fortunatamente alcuni di questi sono diventati delle splendide realtà per cui se oggi dovessero chiedermi qual’ è il sogno più bello che ho fatto nella mia vita non potrei far altro che rispondere:

“L’aver trasformato dei poveri pastori con i piedi sporchi di fango in Guide di Montagna Andine”

Oggi da cinquantenne, sono rientrato in Italia e ho deciso di mettere a disposizione parte delle esperienze che ho maturato laggiù, per quanti volessero scoprire il fascino di quelle zone unendovi anche un non trascurabile scopo etico e sociale. Tra i vari percorsi che più mi hanno attratto vorrei condividere con i lettori di quetso blog; il trekking della Cordillera Huayhuash e quello dell’Alta Via don Bosco che cercherò di illustravi al meglio con le schede che trovate nelle pagine web di riferimento.
Non ultimo tutte le informazioni relative al nuovo Centro di Andinsimo Renato Casarotto a Marcarà (Perù) ora sede dell’Associazione di andinismo DonBosco6000 ed i Rifugi Andini oggi gestiti dai ragazzi peruviani oggi trentenni.

In Italia l’Operazione Mato Grosso gestisce vari Rifugi con la finalitá di raccogliere fondi da destinare a progetti educativi e caritativi in America Latina.

I Rifugi sono: Claudio e Bruno/Tre A in Val Formazza – Colombé/Laeng/Torsoleto/Casa Padre Daniele in Valle Camonica – Rifugio Pirlo allo Spino sul Lago di Garda – Rifugio Gherardi Alpi Orobiche – Rifugio Schiazzera/Iorio Valtellina – Rifugio degli Angeli e Rifugio Frassati in Val D’Aosta.
Tutte queste informazioni si possono leggere sul sito http://www.rifugi-omg.org.

Se volete organizzare un trekking sulle ande mi trovate a questi indirizzi:
andesdbosco@hotmail.com
giancarlo@debviaggi.com
http://www.trekkingandini.net
http://www.trekking-peru.org

I link qui sopra li trovate anche nella nostra pagina Social Network

Mercoledì, Ottobre 15, 2014 by postmaster

Torna la Mangialonga!



Dopo il grande successo ottenuto a luglio, la Mangialonga torna il 19 ottobre!

Il tema di questa seconda Mangialonga, visto il periodo dell’anno, è la castagna.
Il percorso si snoda tra Paspardo, il Rifugio Volano, il Rifugio Colombé con ritorno a Paspardo, e potrete giustarvi le specialitá locali ammirando i panorami autunnali della Val Camonica.

Al Colombé serviremo il secondo piatto che sarà una ricetta speciale a base di coniglio e castagne.

Partenza da Paspardo alle 9:00, iscrizione sul posto (20 Euro gli adulti).

castagna1.jpg

Venerdì, Ottobre 10, 2014 by postmaster

Tweet this page

Area di amministrazione